Informazioni
e curiosità
Cerca Elenco
completo
Suggerisci Links
  Milano
 Italia  Meridiane  Edicole
ricerca rapida



  Scheda  
Nome e Cognome Carlo Porta
Milano 1775 - 1821
Dove si trova Verziere (ang. via del Brolo) - zona Centro
Categoria lettere
Segnalato da EDC
Per saperne di più ...
wikipedia Cerca Carlo Porta su Wikipedia
Fu il più grande poeta in milanese: per lui il dialetto non era, come per altri, solo il veicolo comunicativo di una materia bassa, scherzosa, volgare, bensì un mezzo che poteva avere la massima dignità letteraria ed esprimere temi elevati, non solo il comico ma anche il tragico; nella sua vasta produzione di versi sono significativi gli esperimenti di traduzione dantesca; e acute sono le sue posizioni intorno alla polemica Classico-Romantica che infiammò gli intellettuali italiani negli anni della Restaurazione.

Questa statua è una copia in bronzo di Ivo Soli -1966- sui disegni originali di una in marmo di Alessandro Puttinati -1862- distrutta dalle bombe nel 1943; quella marmorea era sistemata nei Giardini di via Palestro.
 
     
 
 
(Testo)

A
CARLO PORTA
I MILANESI
_______

1966

Riportiamo un suo "esercizio" di traduzione dalla Divina Commedia (Inferno V 127-138), che secondo noi meriterebbe di essere inciso sul basamento:
Leggevem on bell dì per noster spass
i avventur amoros de Lanzellott;
no gh'eva terz incomod che seccass,
stoo per dì s'avarav poduu stà biott;
e rivand in del legg a certi pass
ne vegneva la faccia de pancott
e i nost oeucc se incontraven, come a dì
perché no pomm fà istess anca mì e tì?

Ma quand semm vegnuu al punt che el Paladin
el segilla a Zenevra el rid in bocca
cont el pù cald e sciasser di basin,
tutt tremant el mè Pavol me ne imbocca
vun compagn che 'l ne fa de zoffreghin.
Ah liber porch, fioeul d'ona baltrocca!
Tira giò galiott che te see bravo:
per tutt quell dì gh'emm miss el segn, e sciavo!


foto EDC
 
 
     
 
Home Banner Torna indietro