Informazioni
e curiosità
Cerca Elenco
completo
Suggerisci Links
  Milano
 Italia  Meridiane  Edicole
ricerca rapida



0 1 2 3
4
  Scheda  
Nome e Cognome Giardino dei giusti
Dove si trova viale dei Giusti (Monte Stella) - zona periferia (Gallaratese)
Categoria patria e libertà
Segnalato da S. Keremidschiev
Per saperne di più ...
Nato il 24/1/2003, questo luogo della memoria intendeva celebrare i giusti di tutto il mondo, che si sono prodigati per salvare altre persone, per impedire o svelare prepotenze collettive; il più diretto riferimento è a quanti hanno prestato aiuto nella Shoah ebraica. All'inizio erano ricordate quattro persone e il numero è andato crescendo, tanto che tutte le epigrafi non possono essere contenute in questa scheda; gli altri personaggi quindi ne avranno ciascuno una sua propria, con riferimento a questa che dovrebbe raccoglierle tutte.
Moshe Bejski, uno dei sopravvissuti ai lager grazie alla "lista di Schindler", ha dedicato il resto della sua vita a ricordare il suo salvatore e altri uomini che si sono prodigati a favore dei perseguitati; a Gerusalemme ha inventato il primo "Giardino dei Giusti", che è poi stato replicato in altre città.
Simile impegno ha dedicato Pietro Kuciukian ricordando le vicende della persecuzione subita dagli Armeni negli anni 1915-23 e creando il "Giardino" di Yerevan.
Anche Svetlana Broz (nipote di Tito) col libro Buoni al tempo del male: attori e testimoni ha trasmesso alla memoria nomi ed episodi di umanità durante le guerre etniche che hanno segnato la disgregazione della ex Jugoslavia, e ha fondato il "Giardino" di Sarajevo.
Andrej Sacharov (Mosca 1921-89) è stato un illustre fisico sovietico che si batté per il rispetto dei diritti civili, tanto che gli fu assegnato il Premio Nobel per la pace nel 1975; non gli fu consentito di uscire dall'URSS per ritirarlo, anzi, dal 1980 al 1986, fu relegato al confino. Il suo cippo è stato posato nel dicembre del 2003.
 
     
 
 
(Testo)

(sul cippo principale)

GIARDINO
DEI GIUSTI DI
TUTTO IL MONDO

"C'è un albero per ogni uomo
che ha scelto il Bene"

Milano
24 Gennaio 2003


(sulla parete del cilindro)
COMUNE DI MILANO
UNIONE DELLE COMUNITÀ EBRAICHE ITALIANE
"COMITATO FORESTA DEI GIUSTI - GARIWO"


(su altro cippo poco distante)
A MOSHE BEJSKI

in onore dei
Giusti tra le Nazioni
di Yad Vashem
Gerusalemme


(su altro cippo poco distante)
A PIETRO KUCIUKIAN

in onore dei
Giusti per gli Armeni
di Dzidzernagapert
Yerevan


(su altro cippo poco distante)
A SVETLANA BROZ

in onore dei Giusti
contro la pulizia etnica
della Bosnia-Erzegovina
Sarajevo


(su altro cippo poco distante)
AD ANDREJ
SACHAROV

in onore dei
Giusti del Gulag


(su targa all'ingresso dell'area)
Giardino dei Giusti di tutto il mondo

Nel Giardino vengono piantati ogni anno nuovi alberi
per onorare gli uomini e le donne
che hanno aiutato le vittime delle persecuzioni,
difeso i diritti umani ovunque fossero calpestati
e salvaguardato la dignità dell'Uomo
contro ogni forma di annientamento
della sua identità libera e consapevole.
A ciascuno di loro è dedicato un pruno,
messo a dimora durante una cerimonia
in sua presenza o con la partecipazione dei suoi familiari.
Dal 13 novembre 2008 la gestione del Giardino
è affidata all'Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano
fondata dal Comune di Milano,
dall'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane
e dal Comitato Foresta dei Giusti - Gariwo.
Il Giardino è stato inaugurato il 24 gennaio 2003
per riservare un luogo simbolico della città
alla memoria dei Giusti di ogni parte del mondo.<

"C'è un albero per ogni uomo che ha scelto il Bene"


ASSOCIAZIONE
GIARDINO DEI GIUSTI
DI MILANO


 
COMUNE
DI MILANO
   COMITATO
   FORESTA DEI GIUSTI
   GARIWO
   UNIONE DELLE
   COMUNITA' EBRAICHE
   ITALIANE


foto EDC
 
 
     
 
Home Banner Torna indietro