Informazioni
e curiosità
Cerca Elenco
completo
Suggerisci Links
  Italia
 Milano  Meridiane  Edicole
ricerca rapida



0
  Scheda  
Nome e Cognome Armando Diaz
Napoli 1861 - Roma 1928
Dove si trova via Pietro d'Abano - Abano Terme, PD
Categoria armi
Segnalato da Mario Mancusi
Per saperne di più ...
wikipedia Cerca Armando Diaz su Wikipedia
Militare di carriera, ebbe il comando del XXIII Corpo d'Armata durante la I Guerra Mondiale; dopo la disfatta di Caporetto sostituì Luigi Cadorna come comandante in capo dell'esercito italiano. Nel 1922 fu scelto come ministro della guerra da Mussolini.

"L'albergo fu scelto da Diaz come sede degli Uffici del Comando Supremo, che qui si insediò il 5 febbraio 1918 rimanendovi fino a luglio del 1919. Oltre ai generali Diaz, Badoglio e Giardino (ed a Vittorio Emanuele III, che però alloggiava a Villa Corinaldi, nel Comune di Monselice), qui transitarono molti dei protagonisti della vita culturale e politica dell'epoca: Ugo Ojetti era ufficiale addetto alla salvaguardia delle opere d'arte, Luigi Barzini senior era corrispondente di guerra del Corriere della Sera, Ferruccio Parri era ufficiale addetto all'Ufficio Comando, Agostino Gemelli era responsabile dell'équipe di medici militari che curavano i problemi mentali dei soldati, Giovanni Gronchi era capitano addetto all'Ufficio Stampa che aveva sede a villa Monzino, in località Monterosso (Teolo), Ugo Cavallero, futuro capo di Stato Maggiore, era colonnello addetto all'Ufficio Operazioni. Il Presidente del Consiglio V.E. Orlando ed il deputato Leonida Bissolati erano spesso ad Abano. Qui fu ospite re Alberto del Belgio con la sua famiglia, e si ritiene che Umberto di Savoia e Maria José, promessi sposi fin dalla nascita, si siano visti qui per la prima volta. Gabriele d'Annunzio qui progetto il famoso volo su Vienna, partendo dal campo d'aviazione di San Pelagio, che dista una decina di chilometri; i volantini gettati su Vienna erano stati scritti da d'Annunzio e da Ojetti e stampati nella tipografia militare che aveva sede presso l'Hotel Molino, in via Cornelio Augure" (Mario Mancusi).
La lapide è affissa sulla facciata dell'Hotel Trieste&Victoria, che prende nome dalla famiglia proprietaria un secolo fa di quasi tutti gli alberghi di Abano. A fianco un'altra lapide riporta il testo del Bollettino della Vittoria (vedi thumbnail).
 
     
 
 
(Testo)

HOTEL TRIESTE
DA QUESTA SEDE IL DUCE SUPREMO
DELLA GRANDE GUERRA DI REDENZIONE
ARMANDO DIAZ
VINDICE AUDACE DEI DESTINI D’ITALIA
FRA ANSIA INEFFABILE E INEFFABILI SPERANZE
PER INVITTO VALORE DI TUTTO IL POPOLO
DAGLI ALTIPIANI AL MARE
DEBELLAVA LA FORMIDABILE OSTE NEMICA
CONTRO LE ALPI NOSTRE RIFATTE AMICHE
E FU SCIOLTO IL VOTO DEI SECOLI

IN QUESTA CASA CHE GIÀ ACCOGLIENDO IN OSPITALE ASILO
SCHIERE GLORIOSE CRUDAMENTE PROVATE DA FERRO NEMICO
NE SANAVA LE FERITE NE LENIVA I DOLORI
ONORIAMO GLI EROI E I MARTIRI DELLA VITTORIA
ESALTIAMO PER ESSI LA RINASCENTE GLORIA D’ITALIA
1915            -            1918


foto Mancusi
 
 
     
 
Home Banner Torna indietro