Informazioni
e curiosità
Cerca Elenco
completo
Suggerisci Links
  Italia
 Milano  Meridiane  Edicole
ricerca rapida



0 1 2
  Scheda  
Nome e Cognome Giuseppe Cesare Abba
Cairo Montenotte, Sv 1838 - Brescia 1910
Dove si trova loc. Rocchetta (piazza Albo Pretorio) - Cairo Montenotte, SV
Categoria lettere
Segnalato da Bruno Chiarlone
Per saperne di più ...
wikipedia Cerca Giuseppe Cesare Abba su Wikipedia
Nel 1860 si uný ai Mille. Nei decenni successivi si dedic˛ all'insegnamento e alla narrazione dei fatti del Risorgimento cui aveva assistito. Il libro pi¨ noto Ŕ Da Quarto al Volturno: noterelle d'uno dei Mille, che racconta in forma di diario l'epopea garibaldina. Con Garibaldi partecip˛ anche alla campagna del 1866. Deposta la divisa, fece l'insegnante. Dal 1866 torn˛ al suo paese natale, di cui fu per anni sindaco, e scrisse il romanzo storico Le rive della Bormida, in cui sono narrate le vicende della valle all'arrivo dei Francesi nel 1794 (raccolte dalla voce dei vecchi che le avevano vissute). Fu promotore della SocietÓ Operaia di Mutuo Soccorso locale, una delle prime in Italia.

Da Brescia, dove morý, la sua salma fu trasportata al cimitero di Cairo Montenotte (Sv) avvolta nella bandiera tricolore in cui era stata avvolta qualche anno prima la salma di Giuseppe Mazzini.
Giovanni Pascoli, alla morte dello scrittore, gli dedic˛ una poesia nella raccolta Odi e Inni.
 
     
 
 
(Testo)

(targa 1)

Giuseppe Cesare Abba Ŕ nato a Cairo Montenotte
nel 1838 ed Ŕ morto a Brescia nel 1910.
Scrittore, poeta, garibaldino, docente e
preside, fu educatore con la parola, gli scritti
e l'esempio. Amministratore comunale e
Sindaco di Cairo M. Oratore di grande
prestigio, venne infine nominato Senatore
del Regno.
Riposa nel camposanto cairese.


(targa 2)
Uomo qui nato e vissuto,
vorrei che l'Italia intera
godesse di quei beni
di cui godiamo noi
in queste terre !
(G.C. Abba, dal manifesto elettorale)


(targa 3)
Vigneroli. Sono colli che si aggruppano l'uno sull'altro; poche case
su di essi, grigie, piccine, paurose d'esser vedute (...).
Da bambino credevo che i profili di quei colli, che io vedevo solo a
mettere la testa fuori dall'uscio, e mi parevano tanto lontani,
fossero uno dei confini del mondo.(...)
Divenuto fanciullo durai a credere che di lÓ non vi fosse pi¨ nulla
davvero, finchŔ potei vedere altre valli, altri monti oltre, sedendo
a piŔ della quercia che tutta ti copre, o chiesetta di S.Giovanni,
piccola, disadorna, fatta per l'anima mia d'allora...
(Giuseppe Cesare Abba, "Vigneroli" cit. in "Ricordi e Meditazioni")


(targa 4)
Una sera d'estate, mentre il sole, dopo un
furiosissimo temporale, se ne andava,
splendido come un vincitore, e gli alberi
lustravano di gocce e i campi rispecchiavano
il cielo azzurro nelle pozze lasciate dalla
pioggia che li aveva lavati, un grosso rospo
camminava per una via soletto e lento,
ammirando forse la luce.
(Giuseppe Cesare Abba, "Uomini e soldati")


foto Chiarlone
 
 
     
 
Home Banner Torna indietro